Servizio Civile

COS’È  IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE
Il Servizio Civile Universale (D.Lgs 40/2017) è un impegno spontaneamente scelto e retribuito, della durata di dodici mesi e un impegno di 25 ore settimanali, per i giovani dai 18 ai 29 anni (non compiuti) intenzionati ad arricchirsi, formandosi.
Un’opportunità per crescere, sviluppando una propria coscienza civica attraverso diversi tipi di attività: sociali, culturali, educative. In Italia e/o all’estero.
L’esperienza del Servizio Civile rappresenta una risorsa sia per le ragazze e i ragazzi volontari, sia per l’intera comunità.
Offre una possibilità di crescita per i giovani e per l’intera città
E’ riconosciuto un trattamento economico di € 439,50 mensili.

COME PARTECIPARE
E’ possibile presentare domanda di servizio civile in occasione della pubblicazione di un Avviso di selezione da parte degli enti interessati.
Ad eccezione degli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia, possono partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso, che alla data di scadenza del bando abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno d’età (fino a 28 anni e 364 giorni) in possesso dei seguenti requisiti:

  1. cittadini dell’Unione Europea;
  2. cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
  3. non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

NON POSSONO PRESENTARE DOMANDA I GIOVANI CHE:

  1. abbiano prestato servizio civile universale, ovvero abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista, nonché coloro che alla data di presentazione del bando siano impegnati nella realizzazione di progetti di servizio civile universale o regionale per l’attuazione del programma europeo Garanzia Giovani;
  2. abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Non costituisce causa ostativa alla presentazione della domanda di servizio civile universale l’aver già svolto il servizio civile regionale, servizio civile nell’ambito del programma europeo Garanzia Giovani o aver interrotto lo stesso per motivi non imputabili al volontario.

SERVIZIO CIVILE REGIONALE
Il servizio civile regionale è stato istituito dalla Regione Marche con legge regionale n. 15 del 23 febbraio 2005 per:

  1. promuovere le politiche giovanili, quale occasione di sviluppo sociale e di incontro fra i bisogni espressi dalla popolazione e le potenzialità di risposta fornite dal territorio, anche tramite il sostegno di azioni di soggetti pubblici e privati;
  2. promuovere il senso di appartenenza dei giovani alla comunità locale, nazionale, europea e mondiale, in particolare sensibilizzandoli verso le politiche di cooperazione internazionale e sostegno allo sviluppo dei popoli;
  3. favorire la formazione professionale dei giovani, dotandoli di nuove professionalità e nuova consapevolezza delle dinamiche sociali e culturali;
  4. promuovere nei giovani le forme di partecipazione sociale e di educazione alla cittadinanza attiva, attraverso lo svolgimento di attività di solidarietà sociale;
  5. sviluppare le politiche sociali per contrastare le forme di emarginazione, in particolare quelle dei giovani e delle fasce più deboli della popolazione;
  6. promuovere le politiche di educazione e costruzione della pace, in particolare educando alla soluzione non violenta dei conflitti;
  7. affermare le differenze culturali, etniche e religiose quali occasioni di incontro, di crescita e condivisione sociale;
  8. valorizzare il terzo settore e le forme di economia sociale;
    contribuire alla salvaguardia e alla maggiore fruibilità del patrimonio ambientale, forestale,
    storico-artistico, culturale.

Possono svolgere SCR tutti i cittadini italiani che hanno dimora nel territorio marchigiano, nonché i cittadini di altri Paesi e gli apolidi che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo anno di età e non compiuto il ventinovesimo anno di età (28 anni e 364 giorni), a condizione che siano residenti in un comune compreso nel territorio regionale.

*****

Pubblicato il BANDO DI SELEZIONE per i progetti di SERVIZIO CIVILE REGIONALE – GARANZIA GIOVANI 2020 (DDS n. 255/SPO del 30/07/2020)

*****